Asemic Writing Exhibition, Parco Archeologico Scolacium

Utsanga.it

Asemic Writing Exhibition

a cura di Francesco Aprile, Cristiano Caggiula, Elisa Carella

Dal 2 dicembre 2016 al 2 maggio 2017
Inaugurazione 2 dicembre 2916 h. 17:00
Parco Archeologico Scolacium
Roccelletta di Borgia – CZ

Depliant mostra Asemic Writing, pagina 1 Depliant mostra Asemic Writing, pagina 2
Download depliant (Pdf, 760 KB); download poster (Pdf, 218 KB); download press communication (Pdf 6 MB).
Evento FB

Continua a leggere

Pubblicato in 2016, Eventi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Per Riccardo Cavallo, meditazione sull’impermanenza

«Quasi che, allentandosi il potere reificante, codificante dell’io-mio, qualcosa si sciolga, inevitabilmente, anche nel nostro porci davanti alla ‘grande questione della vita e della morte’. Ed entrambe (ma sono davvero due cose?) ci diventano più vaste, più vaste di noi stessi e di tutti gli eventi, le cose, i pensieri che abbiamo incontrato nel corso degli anni. Sapere l’impermanenza significa sapere la morte nostra e altrui; e parliamo di un sapere portatore di tenerezza.
Non è un caso che talora la morte di un amico, oltre ad accendere cordoglio e lutto, ci renda più svegli, aperti e devoti nei confronti della vita.»

Corrado Pensa, L’intelligenza spirituale. Saggi sulla pratica del Dharma, Roma 2002

 .

.

|̧̗̮̱̜̥̣̹̹̖͉̻̮͓̜̠̹̰͙͛̎ͤ̋͌̈͗̋͑̏̅̊̍̑̈͋ͫ͋̀͘͢|ͧͤ͛̂ͩͪͤ̑ͤ͛̾̃ͫ͑̇̋҉̷̨̜͇̩̀|̴̢̯͚̠̲͖̝̥̱̽̾͌̀ͬ̍̇̎ͫ̒͆́͒ͣ̏͝|̳̲̣͕̇́̇̒̆ͦͥ̇ͮ̄ͭ͐͑̾͘͞|̡͚̪̞̪̥̼͓͔͔͎͉̥͖͈̯͗ͧ̽̾̈̈́̽͗̾ͣ͜|̴̋̋͒ͥ̇͆ͯ҉̵̘͙͚̹̩̟̯̻̜͎̰̻͇̖͇̼̫̱̬|̠̳͚̠̺̮̪̜̺͓͉͓̘̱̬͎̓ͦ̍̔̊̋ͭͩ̂ͮ͐̒̎̉̚͞|̵̘̗͍̱̣̳͇̫͍̳̝̭̭̬̟̹̘̊͂͆ͩ͂̄ͦ̓̊͂͌̌̌͌͘|̵̀̑̂ͩ̋ͨ̓̾̐͑͏̹͈͙̻̣͙̯̤̲̯́͠|̢̮̳͕̭̫̟̟̠̤̬̖̪͎̝̦͇̻ͫ̏̏̋ͮͬ͡|̷̷̶̧ͥ̔̌ͣ͏̝̦̗͔̹̻̲͉͉̯̦̣̭̹̻̰̙|͖̜̙͍͚̖̪̠̘͎̐͆͐̄͌̐̒͑ͪͪ̀̕͜͢͠|̸͈̜̣̫̗͉̜̲͓̪̱̂͋͑͌͒ͤ͗͒́͑ͧ|̛̛̻̫̫̞̯͕ͥ̓͑̉ͬͪ̾̂̆ͨ͌̋͢|̡͈͕̳̝̩͙ͤ̔̓͊͊̏̎͊ͯ̿ͬ͊ͧ́͢͜|̴̴̵̦̞͚̹̤̜̥͔͎͕̭̲̣͔̳͈͕̖̈̓̓̿̊ͭͦ̊̃̃͗ͯ͞ͅ|̢̳̻̲̜̠̩͉̅̆̓̒̈́̏ͫͮͦ̌ͭ́̚͠|̶̵̧͓̼̗͓̞͓͙̤̩̬͉̜͔̠̘̠̺̈́͛̾͆ͩ̉ͥ͑̍̓͡|̴͉̻̻̪̮͖̟͓͕̥͖̔̂͆ͪ̅ͮͭ̌̂ͪ̈͐̕͞͡|̷̠̼̩̝͉̖̱͓͓̤͒̃ͫ̃̓ͧ̀͜͜͞|̷̡̻̺̻͇̮͌̆́͐ͯ̿̀͛̎́̽̇̾̂̅̉͜͜|̑͊ͪ̃͋̈ͧ̅ͭ̒͆̒͘͢҉̲͙͖͈̠̖̟̪̜̰̪̞̳̺|̸̢̳̗͕̹͔̣̖̠̭̫ͦ͑̓̐͊ͩ͊̍̆̇̐̓͘͟͡|ͩ̉̊̇̉̄ͪ͝҉̸̩̣̬̦͙͍̤̟̬̺̤̀|̶̧̖͉̩̻͖̘̼̻̾̈́̓ͩ̆̑ͤ̔̀͠|̷̶̨͕̙̪̤̟̳̤̭̥̥̟̟̪̫̩̣͇̥ͥ̉͊ͧ̏ͨ̓̊̐͆ͣͦ̽̌͞|̶̧̭̗̲̟̞̬͚̃̓ͥ̉̊̃̆|̢̐ͧ̓͐̿͟͟҉͕̦̰̭̙̰|̢̄ͤ̍̃͑̓̎̈ͪ̈́ͧͦͩ̋̍͒ͯ̿̚͏̸̢̰͔̥̻̞̻͇͖͎̩̰̩̭͙̩̣̹̥͈|̷̢̩͓̰̩͗ͥ̊ͣͬ̓ͦ̌̈́͘͡|̞̻̣̩̭̫̯̈͆͌̀̅͛̐̾̈͗͑̾ͦͨ̽̔̒̌͝͠|̴̞̮̻͍̗̱ͨ̾ͨ́̓̃ͦ̀̒̀́̕͠ͅ|̸̴̛͉͚̭̩̜͇̯̤̗͚͎̺͉͔̱̺̘̩ͥ͆͑̅͊̑͐̂̃̾ͯ͌͢͡|̢̺͎͎̘̘̻̼͕̮̖͔͓̳͛̆͛̆ͫ̆͗ͭ|̸̍͌̄̍ͨͦ̍͋ͦ͆̽̀ͮ̓̿̚̕͞҉̦͇̬͓̪̳̻̖͙̳̜̥̣|̶̧̢̝̲̬̲ͮ̾ͪͩ̒͌̂̀ͅ|̡̧̛̲̯͉̜̰̠̳̍̒̑͋ͫ͋̏͋̽́|̭̜̘̱̭̳͍̓ͨͪ̎͐̍́̂̏́͢͠ͅ|̨̥̘̹͕̮͔̓̆̿̃̃|̶̢̮͚̫̮̦̯̩̤̙͚̗̖̳͚͙͙͙̪̥͊̂̂ͨ̽̋̓͒̔̕̕͡|̨̜̩̱̪͔̤̹̦̘̼̭͚̳̞̺̗͇͛ͦͦ͂̍͆̅́̆ͪͥ̈́ͪ́͌̃̚͟͝ͅ|̨̧̫͓͔̱͕̯̙͍̐ͪ̾ͮ͛͂̋̎̚̚͜|͔̝̻͕̘͔͖̹̖̣͇̼̣͓̳̠͛ͦͨ͒̏̇̊̒̈́̐̍͝|͇̜̤͖̠͎͈̳̜͙͓̞͖̲̳̻͐̿͆̒ͭ͐̆̐̔ͫ̀͘͘|̵̳͚͙͖͕͇̮͇̩̯͎̰̹͔ͤͣ̌̏̐͗ͭͩͧ́ͣ̊̅͟͝|̵̯͙̗̞̳̹͕͚͖̽ͧͫ̏͐̐ͩ͘͢͢|̿̉̍̆̌̐ͧ̐ͭͣ̓̄ͪͧͨ͒͆͌̚҉̧͓̮̙̪|̧̟̜̳̖̗̭̻͚̲̥̞̟͙͚̰̘͚̫̯͒ͯͣ͒̇ͮ̕|̵̴̫̼̟̝͍̞̗̩̮͇͙̞̘͈ͯ͒ͪ̌̍ͪ̊ͤ̏͋ͧ̓ͤ̿͟͟|̵̵̦̤͕̙͓̣̯̓́͗ͤͪͫ͋ͮ͘͞|̧̀ͣ̇ͬͣ̐̍̆̐̈́̍͆͒̋̂ͭͩ͘͜҉͎̲̳̥͈̮̦̤̟͍̦̳̱̬͎̖̩̬|̵ͤ̾ͯ̎ͧ̓ͨ͌ͫ̐ͦ͑ͭ̾҉̸̩̱̩͚̹̜̬̱͜|̸̢̢̬͉̤͔̼̋̎͌̄̊͐ͣͧ͌ͩͧ̏̑̽͂͆́̚͘|̧͗͑̌̽̒̿͗̂̇ͥ̄̉̈́̚̚҉̶̘͕̭̯̺̹̳͙͔̫̞̥̘̹|̉̃͆̆ͫ̈̅͏̢̛͙̻͍̮͓̙͎|̵̢͛̓̈̃͟҉̘͕̤͇̪̥̞͉̕ͅ|͙̹̺̣̹͉̩̌̄̈́͋ͣ̓̈́͌̉ͨ͑ͯͥ̊̽ͪ͠|̟̫̮ͥ͊̈́̍̇̏͘͢ͅ|̛̦̗͈̣̼͉̰̹ͭ͆ͨ̓̀̾̑ͨͪ͌̉̎ͧ̓̃̚͠|̶̛̝̯̫̗̙̬͕̻͙̝̩̖̱̘̼̩̖̞̯̔ͯ́ͨ̿̏ͪ̇͐ͨ̐̌͗͑͗̄̚|̤͇̥̯͚̜̳̾̆̒ͦ́̊́͢͞ͅ|̧͛͗̐̈̅͒̚͞҉͖̖̼̩̤̯̖̼̬̞̥ͅ|̡̺̗̳̺͙̤̪͓͕̲̪̟̗̪̼͊ͮ̏̾͊̇̎̈́̽͘͜͠|̛̲̲͓̫̹͇̣̱̮̺̻̳͙͕̭ͨ̋ͮ͑ͨͣ̆́̕͠ͅ|̵̛͈̬͔̻̲̞͓̦ͪ̃̾̄̉͑́̿̎ͯ͑́ͦ̿̐́͡|̵̍̒ͦͣ͌̔ͯ̑͐ͯ̉͡͏̹͉͖̤̰̱̳̘̼͔̥͙̟|̷̸̧̩̞̖͙̬͔̲̰͕̦̠̰͖͙̻̩̈̾ͧ͋ͮ̒̄̾͋̂̆̚̚͞ͅ|̸̷̨̱͉̩̝̺̪̗͇̙͍̠͉͕̼̥̞͎̜̘͛̆̄̍̌̐ͥ͆̃ͥ̄͆͠|̶͈̻͚̩̙͉̣̹̼̮͚̫͖̘̤͚̝̮̳ͥ̆ͭ̋͑͒ͯͮͤ͐́͘͠|̴̵̧͙̫̳͚̯̥̰̬ͫ̉ͫ͆̏ͣ̋͛ͬ̿͒͝|̷̧͉̖̟̻͛̇̆̓ͮ̈́ͩ͐͟|̵̨̨̧̠̪͚͚̫͍̬̹͉̱̹͕̈̽ͦ͒ͭ̊̐̌͂͂ͣ̃ͫͣ̎ͩͫ̈́̕|̡̠͕̰̝̦̜̦̘̭̗͇̤͉̓̑͊͐ͧ̄͂̋̇͋ͥ͌͠|̡̧͉̮̯̳̤̟̳̜͈̙̙̱̦͔̘̻̱͍̻̔̐̍̃̔̿̽͂ͧ̂|̴͚̲͔̞̩̝̪̫̯̱͕ͩ̅͒̆͒ͮ̑͛͜͝ͅ|̾̂͛͋́ͮ͗͑̓̄̌̇̇̾̉̌̅̚҉̪͔̩̘̬̕͢|̤̻̜̘̞͕͙̳̗̬̋ͦ̊ͣ̓ͤ͋̒ͫͤ̈̽̓̄ͭ́ͅͅ|ͧ͊̀̑͒͛̅ͣ̉̉̓̈́ͣ͛̒̆͢҉̶̗͚͕̙̬͖̥̫̱̣͉̲͕̖͜|̴̵̭̭̤͎̯ͬ͒ͣ̃̐̅̔̍͛̃̓̒͌͗́͐ͪ̚̕͟|̡̂ͭ͊͊̎̆͘҉͇͈͍̯͕͈͈̲̻̣̟̤̱͡|̄͐̇ͩͤ͛͐ͭͤ̚̕҉̸̙͕̮̯͈͞|̴̴̸̨̞̻͉̬̬̠̯̩͓̯̬̲̥̭̳͖̳ͯ͐ͩ̽̔̆͌̃̓|̸̴͔̞̣̦͍͈̦͈̩̩͉̜̳̰̰̱̳͓ͣ̊̋́͊͌ͩͥ̐͊ͫ̚̕|̝̯̤̲̭̜̗͍͔̱͇̟͂̄̋ͦ͑ͪ̒̈̇̀ͨ͗̑̔͢͝|̡̝̝̗̻͙̹̬̻͛̂ͤ̄̿͒͐̃̊ͭͮͬͅ|̵̢̰̤̘̩̳̙̫̰̱̹̥̼̩̤̗̥̠ͬ͐ͨͦ͐͗̓̿ͫ̇̂̔̽̆̋̿ͥ̋͝|̶̷̪̘̣͕̲̬̥͓̙̾ͣ̽̇̅ͮ͠ͅ|̼̜̣̣͎̝̺͇̱͎̘̙̞͍̈̓̾̉͊͂̊̿̂͌ͭ͛̀͌ͣͥ͢͝|̧̡͔̹̘͎͙͍̭͓̠̺̙̣͉̰͉̺̖ͦ̿͐ͧ̈ͯ̄̄̂͐̽̊̀͜|̧̜̫͉̣̤͉̳̂̉͌̋́ͫ͑̋͆͆ͨͯͪͨ̈́͆͌ͩ͢͞ͅ|͉̮̭̟͓̮̞͚͌̿͊ͬ̇̅ͪ̽̿͐́̾ͥͬ͌ͨ̚͘͜͝|͓͚͇̻͍̹̤̭̦̣̼̱̳͔̤̤͖́̅̀̅ͧ́͢|͒͐͂̽ͭ̈͗̏͒̾̚҉̧̡͍̱̱̞̝͚̱̲̱͕̜͔̣̞̥̫͉ͅ|̘̠͔͓͓̘͑̈̂̑͐̓̓ͪ̿̒̊̀̚͘͟|̶̢̛̹͙̹͚̤̲̆̾̐̎͂ͯͣ̑̎̈́ͥͩͤ̊͑̃̀̚|̏̽̋̈́͒͟͞҉̢̜͖̦̺͓̱̭̻͓̲͚̙̠̩͙̤̼͢ͅͅ|̴̶̷̡̹̰͎̤̮͔̪̈͐̈͗ͤ̈̒̒̏́̎ͩ͢|̛̖̞̰͚̘̹̰̝͖̝͓͉͎̟̹̝̮̝ͨͨ͐͋̐̾̋͐̀́̋͆ͫ̉ͤͯͫ͠͡|̶̡͚̙͓̝͙͑ͫ́ͬ̄ͥ̓̌͂͐̈̓͛̕͘|̷͆͌̓͒ͮͩ̉̊̌̐̐̚̚̚̕͠͏̼̳̞͙͍̺̲͇̜͚͙̫͍͟|̸̮̮̞̰̝̪͉̠̹̔͛ͨͩ̌ͤͯ͒͗͑̏ͩ̇ͯ|̷̵̢̪̻̹͍̩̻̪̺̯͕̼͔̖͇̖̟̭̅ͩ͗̈͋͛͆ͦ̂ͧ̇̈́̋͌ͯͫ͘͜|͛̀͊̉͂̓̊̔͛ͣ̏̓ͫͯ͋̓̐͑͏̲̺͚̩̬͖̜̜̯͇̭͍͇̹̱̼͙̮|ͯ̾ͪ̂̈́ͫ͂̿҉̸̷̪͉͇̱͟͜ͅ|̛ͨ̾͆͌̐̿͒̈ͧ́̍̓͂̑̄͌̑҉̻̫̞ͅ|̡̛͇̝͓̭͔̿̌̾̔ͭ͂ͪ̇̄̓̓̐ͪ́|̶̟͕̯͈̭͙̗̤̱̼͎̥̣̮̝̭ͤͩͩ̌̑̐̒̋̈́̈͌̃̎́̚|̵̶̰͈̗̳͕̯̘̹̮͎̗̠̟̖͕̩̯̭̣̾̀̊ͩ̎ͬ͒͠|̶̶̧̛͓̫̟̩̗̖̩̰̗̼̳͖̹̅̍́̿̽̏̈̎͑́̄̋́|̵̵̛͇̗̯̥͙̰̯̱͎̺̰͓̙̰͖̥̻͎̆ͩ͊̔ͦ͊ͤ̓͗̋̀͟ͅ|̸̢͉̰̰̯͉̤̮̎͋̔ͮ͋ͥ͂ͩ̍̓ͫͨ̾̑͂̾̂̌͟ͅ|̺͙̤͎͓̭̯̬̆̈́̌̏̓̈ͫ̂ͦ͛͗͂̎ͯͦͭ͆̈́̀͟͜|̡ͧ͑̊̆̌͒̔̃̈̋͌ͮ͑̓̍҉̱̫̪͎̝͈̻̼͇͉̮̲͉̩́͠|̸͎̘̞̥͚͇͓̤̱̜̰͙̟͍͉͒͑̿ͨ̇͂ͬͪ̀̍͒ͤ͐̆͟|̸͉͕͙͙͔͍̗͓̣͎̩̲̠̋ͮͤ̐ͪ̌ͯͧ̉͌̈́́͜͞͞|̺̼͖̜̱̻͈̝̏ͭͬ͒ͣ̽̌̑ͧͨ͊ͭ̌͗ͨ͒̚͘͜͠|̡̛̪͈̗̼̦͍̹͆͛ͨ̌͆̄̿̆̎̉̏̎̎̇̏̅̈ͅ|̵͔̯͈̼̪̲̻͔̩̃̍̇͑̋̎͑̆ͦ͜͢|̵̶̸̨̳͇͇͓͇̠̺̙̰̙̺̥̫̈́́͗͌ͭ͆ͦ̽̇͑ͨ͑̀͌͌̆̾ͯ͞ͅ|͎̭̬͙͍͉̫̲̲̙̤̪̜̗͔͎̪̩ͪ̐ͫ͊ͯ͊ͧ̑́̀͜|͇͖̠̪̮̹͔̭̗̅̃ͬ̉ͬͬ̽̎ͯͭ̾̆́̚͢͟ͅͅ|̧̛̤͈̣̮̟͍̝ͯ͗̔ͮ́͊̊̑ͬͫ͋̎ͬͭ͗̋̈̐̚̕|̨̢ͯ̀̅̑ͯ̓͏͍̜͉͎̥̱̺̪̭͈̬̣̲͍͇̥̘ͅ|̛͕̭̩̗͖̳̦̫͎̦̺̜̳͉̪̆͌͐̉ͦ̓̍̀̀́̕͟|̡̨̧̨͇̰̱̙̖̹̟̞̩̲͍̦͍̪̦̯̈̈̃͒̇͟|̨̡̳̘̯͇̥̃͊ͫ͛ͯ͒ͤͩͧ́̐̐̒̒̋ͩͥ̂ͣ̕͜|̷̟̩͙͓̻̻̻̬̺͉ͮ̿̆ͤͩ̓͂̋ͬ͂͒͑̈́̀̓ͯ̃̄̇͢|̷̛̠̥͉̳͉̘̪̭̪̲͗͑͆ͥ́ͅ|̷̝̙̼̺̗͕͙̪͈̟͉̺̗̩̦̼̞̋̍ͨ̉ͪ͌͂̋͒̏̎̇ͬ̔̌͡|̨̣̪͚͓̜̥̖̮̅̇ͮͬ͊̿ͫͥͧ̅͛̒ͩ̃̾͑́̚̚͝ͅ|̵̨̢̲̳͎̗͕̾͐̽̑̃̀͝|̸̛̥͙̗̠͙͉͇̘̟͙̗̯͉̍̎̍̇ͮ́|̶̴̶̬̰͕͇̹̍ͬͩ͆̾͂̄ͪͨ̔ͣ̈ͨ͆̂́̓͋̀͘|̵̪̺͙͇̰͍̦̠̗͊ͯ͑̈́͊̑̓̿̄ͥͮ̋ͣ̀̐̚̕|̵̶̨̖̹̤̄ͦͥ͂̐̐̾̓ͦ̊͊̋ͮ|̧̺̠̺͍̞̘̳͎͐͛ͭͦ̐̓̏ͤ͋ͯ́̇ͩ̀͛͊̂̄͘͜|̸̧̛̙͓̘͔͙̬̋ͯ̎ͬ͐ͮ͗́̑̂̀̃͐͛ͩ̚|̵̳͎̪̪ͤ̏̔̇̑ͮ|̵͎̖̺̼̫̻̳̩͔̇ͬ̃́͊ͭ͋ͭ̑̉̐̾̐͑́|̨̢̢̪̖̝̻̝̲̙̝̜͈̣̥̰̞͗͆ͤ̂͌͂̽͠͞|̷̧̢͇͎̘͇̘̠̱̝͖͓̥̭͓̝̤̋̐̈̍ͤ͛̇͗ͫ̉ͦͨ̓́|͎͇̤̪̳̩͉̼̟͍͛̅̃ͩͫ̒̋ͯͧ̓͋ͣ͊́̕͘͢͠|̸̨͚̮͖̞͛ͫ̎ͥ͒͑̈̃̈|̰̠͎̞͉̭̘̟̖̥̫̟̤̮̆͋ͣͬͩͥ͌͌ͦͯͧ͒͛̈́̿̃͑̓͋͢|̦̫̥̣̰̣̔̅ͫ̇̓̀͞͠ͅ|͗ͩ̎̏ͭͧ̇ͯ̅̌͋͗̌̈́̅͐̄҉̴̱̟͍̯̻̦͔̗͜|̷̴̨̘̗̥̘͇͔̼̲̗̘̺͎̠̘̼̯͛͒͗̈́͐̅ͯ̕ͅ|̷̖̼͔̭̠͚̤̼̘̇ͮ̅̉ͭͩ̓̓ͨͯͣ̾͋͒̾͞|͔͓̥͈̣̤̬͚̊̅̑̋͐ͦ͗͗ͧ̀̿̿͒̉̈̏͠|̩̲̪̦̝͍͕͉̦̻ͦ̆̌͊̒̃ͣͬͭͫ̽̍̿̀͠|̨̽̄̌͋̾̓̐̈̅͒̎̃̐͒̅ͪ́͏̬̖̻͚̤̝̤̗̝̕͢͡|̮̭̲͈̱̜̩̙̏͗̓ͤ̄̆́̌͂͑͋́͢|̷̶̧̺̳̙̫̤̠͓̜̦͓̰̪̫̫͙̲̗̘̃͐͂̃̂͗́̓ͥͮ̈ͣ͟|̴̷͛ͬ̿͊͑̒̈͠҉͏̟͕͇̭̜̼̯̬̳̲̫͙|̨̤̘̮̰͖̬̯͙͕͍̲̠̦̺̥̝̅ͬ̆͊̑̄ͦ̐ͭ͋̊̉̍̓̀̐̋̈́́͜|̛͇͎͖̬̤͔͔̥͚̜̖̘̣͚̻̙̦̩͑ͭ̓̆̓̍͛ͫͨ̊ͬ͑̆̓̓̒̿͞|͒͆̋̔͞҉̼͕̹͎̩̭͜|̸̊̆ͦ̆͒̇ͥ́́͑͋̏̋̚҉̛̱̪̬̭̩͟|̨͓̟̲͇̩͙̠̱͖͚̜̣͓̄͒͋̋͋̇̎̆̋ͩ͝ͅ|̏̎͒̐ͨͪ͊̓̃̔҉͉͕̮̪͈͙̜͍̥͓̪̰͎́͝|̴̷̡̪͙̟̻̹͍̺̦̝̞͉͉͚̮̰̥̽ͩͮ̍̍̂ͬ̅̐̑͛ͩ͋̆̈́ͤ͛͢ͅ|̧͂͌͛ͤ̋̆̀ͭ̂ͩͧ́̀̀̚̚҉̫̝̲̹̹̖̞ͅ|̬̬̱̲̝̲̩͓̥̤̮͐̈́ͯͣ͐̇̃ͣ͂ͯ̊͌̐̽̐̋͗̄͌̕͝|̴̶̛̳̜̜̹̟̮̭̂̾̓̃̌͑̇̈̇͊̆̆̍̀ͭ͋ͯͯ̎͡|̧̙̺̯͍͕̝̼̱̌̍ͣ̈́͑̎͋̔̔͆͒̀̀͘͡ͅͅ|̨̡̺̖̲͍͇̟̤̹̮̒ͬͥͣ͋̓ͭ̐ͮͨͬͣ̏̃͌̿́͜͞|̳̘̹̣̩̘̬͉̫͖͓̟͔̗̳̰̿͋͐ͮ̄͗ͣ̅̇ͥ͆̍̑͒́̏͟͞͞|̶̵̑̾ͮ̎̈́͊́̚͠҉͓̫̞̦͓̪̞̬̲ͅ|̵̙̮̰̼̘͈̠̜͉͒̒ͨͯͭ̎̆͡ͅ|̨̡̛̯̰̪͙̬̩̞͇͍̣̣̤̬͈̣̹͓͚̋͋ͮ̍̓͑̓̑͝|̹̟͈̣̪̟̤̹̻̭ͧͥ͑͒̒̋̽ͣ̾̐ͧͦͨ̓ͯ́͜͠|̷̴̧̙͉͓̠̞͕͕̯̝̫ͦ͒ͯ͂͊̒ͨ̉ͧͧ̀́́ͦ̃͞|̡̢͇̭͕̤͔͙̱̟̱̫̪̼͔͉͕̲ͥ̾ͣͤ͒ͣ́͘͢͝|̷̛̠͓̮̼̬̩͚̩̺̗̥͖̾̂ͭ͋̍̓ͦ̐́̾͛ͫͬ͘͝|͛̑̒̇͋̇̿͋̇̑͋̄̍͌̽̚҉̷̮̳̮|̀̌ͧͭ̔̐̅ͮ̿̏ͮ̑̂͑͟͟͞҉̛̼̱̯͙̮̺̭̬|̸̘̮͖͓͉̰͔̩̹̯̤͐̂̇̊̚̕͠ͅͅ|̴̖̲̙̝̪͍̠̬̟̆̎ͦ̋ͮͩ̆̐ͦͤ̈ͦ̈ͮ́|̵̶̢̬̞̜͈̘̰̮̪̰̖͚̳̥ͬͥ̊̇̎ͪ́ͯ͘|͑́ͤ̉̌ͯ͋̏ͫ͆̇̓́͊ͧ͒̓ͦ͟҉̸̰̰̩͔͕͚͢|̸̗̭͇̦̙̝̗͚̟͎̻̠̻̠͊ͦ̓͑ͤ̄̑̌͆͗̿ͯ̾̂͂ͮ̀̚̕̕͠|̻̙̫̠̤̟̖̩͖̫̩̼̞̟̎̉͗ͭ̌ͪͫ͛ͣ͂̽ͯ̈̂̊ͤ̀̚͜͡ͅͅ|̶̵̨͍̮̫͙̹͙̙̙̰̖͂ͪ͆ͮ͒́́̕|̶̡̗̬͔̲̟͚̣̰̮̯̦͉̝͎ͪ̃ͭ͒̏ͭ|̨̨̰̦̼̹̬̳̺͙̥̞̭̘͓̓̃ͣ͆̾͊͒͘̕|̵̨̛̪̥̘̹̘͙͓̯͕̗̝͖̺͉̌ͫͫͭ̿͠ͅ|ͣ̈̐̀́͂̓́͛ͯ̄̍͗ͩ̒̆ͦ͏̝̼͖̞͔̜̩̻̗̥̩̜̠̕ͅ|̸̛͈̯͎̲̞͛͛͆̾̐̍͟͠|̨̱̘͓̦͉̬̭̺̮͍̭̍̊ͮͧ͆͒́ͣ̽̄̂̓͑͝ͅG͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇͇

 

Citazione | Pubblicato il di | Contrassegnato , , ,

Il libro come installazione: incontro con poeti di ricerca e critici [IULM per BookCity]

bookcity-2016 

BookCity — Milano
venerdì 18 novembre, ore 18.00

Chiesetta del Parco Trotter, via Angelo Mosso, 7.
[bookcitymilano.it/eventi/2016/il-libro-come-installazione-incontro-con-poeti-di-ricerca-e-critici]

Partecipano Mariangela Guàtteri, Antonio Loreto, Teresa Iaria, Massimiliano Manganelli, Giulio Marzaioli.

§

IULM PER BOOKCITY, programma 2016iulm per bookcity

LE UNIVERSITÀ MILANESI PER BOOKCITY, programma 2016
17-20 novembre 2016.  (Dis)integrazione? L’Università risponde

Pubblicato in 2016, Eventi | Contrassegnato , , , , , , , , ,

4 novembre 2016

4 novembre 2016

11–8–1935 • 4–novembre–2012

Prima era il 5 novembre, la data burocratica della cessazione. Ora abbiamo tutti definitivamente adottato la data naturale dell’improvvisa cessazione. Pensiamo che sia meglio, più giusto.

(Nel 2014 non si è fatto nulla, qui. È saltato l’anno di passaggio tra il 5 e il 4 novembre, così com’è saltato indietro un giorno.)

Pubblicato in 2016, Video | Contrassegnato

Villino svizzero [Semicerchio 1/2016 LIV]

La terra si trova in una condizione precaria.
Tutti devono nascere; allungano milioni di teste.

In principio la proprietà è privata. È tutto.
Arriva un ufficiale, un fabbro, un medico. Si fa un giudizio civile. Si fa uno straniero. La condizione dello straniero è precaria. Deve dimostrare di avere soldi legittimi.
Agli indigenti, oziosi, vagabondi; a chi esercita la prostituzione o l’elemosina, viene consegnato un foglietto che ordina.
Obbedire al foglio; non obbedire.
Il punto finale è un carcere. Si fa uno stato di grande debolezza.

C’è una continua instabilità della propria posizione personale.
Una cosa stabile è il letto di contenzione e l’individualizzazione dei trattamenti.
Ci sono repressi provvisori, casuali e superiori; ci sono sottoprodotti di classe stabilmente destinati, inferiori.
Ogni malanno di classe si abbatte su delle masse in modo obiettivo: una condizione che ricompone gli atteggiamenti per ciò che si è dentro.
Un metodo per i comportamenti.

[Mariangela Guatteri, estratto da Villino Svizzero. Il testo completo è pubblicato in «Semicerchio» 1/2016 LIV]

54

Poesia sulla pietra
Parole visibili. Momenti della poesia epigrafica dall’Antichità al Novecento di Gianfranco Agosti 3
Un sasso / che distingua le mie dalle infinite ossa … di Valentina Garulli 11
La ‘flagranza dell’enunciazione’ nell’epigrafia monumentale
e nell’immagine pubblica tardoantica di Paolo Liverani 17
Urbis ad ornatum est ‘versificata’ domus.
Le iscrizioni metriche in latino di Roma Capitale di Antonino Nastasi 31
Saggi
Poesia e traduzione nella generazione del ’14: Luzi, Parronchi e Bigongiari di Diego Bertelli 51
Migro ergo micro. Nuovi localismi nella poesia dell’italia multiculturale di Ugo Fracassa 60
Morrissey & Wilde: Quick Wits & Glam Rock di Alex Falzon 76
Inediti
Poesia italiana Mariangela Guatteri 82
Poesia italiana Emiliano Rolle 86
Poesia Femminile sudafricana Maria Paola Guarducci & Francesca Terrenato 87
Poesia greca: Anite di Tegea Chiara Pesaresi 106
Rassegna critica di poesia internazionale 113
Riviste / Journals 145
Pubblicato in Media | Contrassegnato , , , , ,

Premio Lorenzo Montano. 30 anni di poesia

L’e-book è curato da Giorgio Bonacini e può essere scaricato e letto su Poesia2.0
[www.poesia2punto0.com/2016/10/08/premio-lorenzo-montano-30-anni-poesia/]

1987 – Mara Cini – ANNI E ALTRI RITI

1988 – Giorgio Bonacini – TENERI ACERBI

1989 – Mario Moroni – PAESAGGI OLTRE

1990 – Vito Giuliana – DI ALTRE GEOGRAFIE

1991 – Paola Campanile – TEDES

1992 – Giovanna Sandri – CLESSIDRA : IL RITMO DELLE TRACCE

1993 – Anna Malfaiera – IL PIÙ CONSIDER EVOL E

1994 – Marina Pizzi – LA DEVOZIONE DI STARE

1995 – Nanni Menetti – SHAKESPEARI NA

1996 – Osvaldo Coluccino – QUELL E VOLT E SPONTANEE

1997 – Giuliano Mesa – IMPROVVISO E DOPO

1998 – Camillo Pennati – DI SIDEREE VICENDE

1999 – Franco Cavallo – NUOVE FRAMMENTA Z IONI

2000 – Magdalo Mussio – VISIONI ALTERE ERRATICA

2001 – Tiziano Salari – IL PELLEGRINO BABELICO

2002 – Paola Zallio – LINGUA ACQUA

2003 – Francesco Marotta – POSTLUDIUM

2004 – Jacopo Ricciardi – COLOSSEO

2005 – Giulio Marzaioli – IN RE IPSA

2006 – Marinella Galletti – DENTRO ALLE FONTI

2007 – Cecilia Rofena – AGOGICHE

2008 – Paolo Ferrari – SAGGIO-POEMA DEL PENSAREA SSENT E

2009 – Stefano Salvi – PRIMIZIA DI CREATURE

2010 – Erika Crosara – IUS

2011 – Mariangela Guàtteri STATI DI ASSEDIO

2012 – Laura Caccia – D’ALTRO CANTO

2013 – Giovanni Duminuco – DINAMICHE DEL DISACCORDO

2014 – Viviana Scarinci – PICCOLE ESTENSIONI

2015 – Silvia Comoglio – IL VOGATORE

2016 – Luigi Severi – SINOPIA

Pubblicato in 2016 | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Riassunto di ottobre

Bologna, sabato 22 ottobre, dalle 11 del mattino alle 22 della sera presso la sala-teatro del Circolo CostArena, via Azzo Gardino 48.

Uno spazio di lettura per le voci e i testi di alcuni degli autori che in questi ultimi anni hanno lavorato con energia e determinazione sulla parola, lungo le vie della sperimentazione.
La sala del Circolo CostArena è un luogo decisamente adeguato, in questo senso: un luogo dove saranno il lavoro degli autori e la loro voce a essere messi al centro.

letture di

Leonardo Canella, Alessandra Carnaroli, Mario Corticelli, Marco Giovenale, Mariangela Guatteri, Simona Menicocci, Lorenzo Mari, Giusi Montali, Luca Rizzatello, FabioTeti, Michele Zaffarano

riassunto-di-ottobre

Cartolina [pdf]

Pubblicato in 2016, Eventi, Interventi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , ,

Tra scrittura e fotografia. Documentazione

Il progetto TRA SCRITTURA E FOTOGRAFIA. ALCUNE IPOTESI a cura di Pietro D’Agostino e Massimiliano Manganelli. L’invito a un gruppo di autori che praticano prevalentemente la scrittura a produrre un…

Sorgente: EX.IT – Materiali fuori contesto. Tra scrittura e fotografia. Documentazione del progetto e dell’incontro a Ex.it 2016, Albinea (RE), 20-22 maggio

Pubblicato in 2016, img | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Sono arrivati gli alieni. Benway Series 9

Gherardo Bortolotti,
Quando arrivarono gli alieni. Parti 234-361 = When the Aliens Arrived. Parts 234-361.
English translation by Johanna Bishop.
Colorno : Tielleci, 2016. – 128 p. ; 19,5 cm.
(Benway Series ; 9).
ISBN 978-88-98222-25-4

La scheda del libro

Quando arrivarono gli alieni / When the Aliens ArrivedQuando arrivarono gli alieni / When the Aliens Arrived

Pubblicato in 2016, Libri, Video | Contrassegnato , , , , , ,

Intervista a Gustav Sjöberg, sul numero doppio di «OEI» dedicato all’Italia [Books in Italy]

2015 Intervista a Sjoberg, OEI Italia, BooksInItalyda www.booksinitaly.it

Intervista a Gustav Sjöberg

Un’antologia della poesia italiana contemporanea che è uscita in Svezia quest’estate in un numero doppio (di oltre 500 pagine) della rivista OEI.

Di Andrea Tarabbia

Gustav Sjöberg, poeta, traduttore e studioso svedese di lingua e letteratura italiana, è il curatore di un’antologia della poesia italiana contemporanea che è uscita in Svezia quest’estate in un numero doppio (di oltre 500 pagine) della rivista OEI.

Buongiorno Gustav, come nasce il suo interesse per la letteratura italiana, e perché ha deciso di occuparsi in particolare della poesia contemporanea?

Sono poeta io stesso, e l’interesse per altre letterature, per altre lingue, è sempre stato una parte essenziale della mia attività poetica e poetologica. Per quanto riguarda la letteratura italiana, ho studiato l’italiano da autodidatta per poter leggere certi autori in lingua originale.

Com’è strutturato il numero della rivista OEI da lei curato?

Il numero si chiama OEI # 67–68: Icke-bekräftande skrivande! / Scrittura non assertiva! Il concetto di “scrittura non assertiva” è stato introdotto da Marco Giovenale, uno dei poeti contemporanei che fanno parte della rivista. Si tratta di un termine vicino, come concetto, a “scrittura di ricerca” o “scrittura sperimentale”, ma con alcune modifiche importanti e, generalmente, più adatto alla situazione contemporanea, al di là del discorso novecentesco. Si potrebbe dire che questo concetto funzioni come uno strumento operativo che connette l’investigazione di certe pratiche poetiche contemporanee (poeti come Simona Menicocci, Mariangela Guatteri, Michele Zaffarano e Alessandro Broggi) a una ricerca archeologica concentrata su poeti come Emilio Villa e Corrado Costa. Come ha detto benissimo Giorgio Agamben in un’intervista recente, ogni tentativo di entrare in rapporto vivente col passato è un atto rivoluzionario. Nel nostro numero questo tentativo è esplicito, anche grazie alla presenza di testi filosofici e politici dagli anni Settanta, di pensatori come Furio Jesi e Gianni Collu, e alla riflessione teorica di un filosofo contemporaneo come Andrea Cavalletti, intervistato nel numero.

[continua la lettura]

 

Pubblicato in 2015, Media | Contrassegnato , , , , , , , ,