REGISTRO DI POESIA #1

Copertina dell'antologia Registro di Poesia n. 1

Napoli, Edizioni d’if
collana: i fuoricollana a cura di Gianfranco Alfano
disegno in copertina: Quintino Scolavino
formato:cm 13×26
cod. ISBN: 978.88.88413.61.7
pagine: 64
euro: € 15,00
ottobre 2008
Premio di Letteratura i miosotìs intitolato a Giancarlo Mazzacurati e a Vittorio Russo IIa Edizione 2007/08
I 12 autori inclusi nel Registro di Poesia n#1: Stelvio Di Spigno, Alessandro Ghignoli, Andrea Gigli, Ermanno Guantini, Mariangela Guatteri, Tommaso Lisa, Laura Liberale,Francesca Matteoni, Laura Pugno, Angelo Rossi, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli.
Acquista su IBS o presso la casa editrice
Il testo pubblicato in questa antologia è tratto da Grigioperla intimo blog, una prosa scritta tra il 2006 e il 2007 e pubblicata integralmente su Scritti inediti. Vedi anche in: eexxiitt [trk Mariangela Guatteri di Riccardo Cavallo] e RECOGNITIONES [eexxiitt: trk Mariangela Guatteri di Riccardo Cavallo]

il testo pubblicato

martedì 26 settembre 2006

Autobahn

Il mio nome è Merri, ho trent’anni, un DNA perfetto.
In macchina, andando al lavoro, ascolto Paolo Fresu e la rassegna stampa di Radio 3. E scrivo. Approfitto delle code ai semafori o dietro i rulli compressori che rifanno le strade, dietro i lenti di pedale che si guardano intorno, indugiando sotto un verde molto atteso o in curva alle rotonde, senza osare di spingersi in corsia come supposte.
Scrivo alla velocità della luce con un occhio alla coda e un occhio alla punta e quasi non guardo mentre scrivo. Perché le parole le vedo e le imparo a memoria.
Il mio nome è Merri e fino a ieri credevo di avere trent’anni; oggi ho imparato che ne ho quarantaquattro, perché ho perso il lavoro.
Allora farò lo scrittore.
Pubblicherò un romanzo di successo, che piace a tutti, che vende. Perché il mestiere lo conosco e scrivere è un mestiere. La letteratura no. È il frutto di un talento coltivato, che viene su col tempo.
Il talento ti lavora ai fianchi, ti butta al tappeto e conta gli anni. Quando la conta supera i trenta ci vuole tenacia e ci vuole più coraggio. Viene un moto di ribellione: si spara al contatore, ci si infila la canna in bocca e dopo il colpo c’è poco altro da fare. Si scrive.

sabato 7 ottobre 2006

Voyeur

Sino a qualche tempo fa, quando le cose giravano bene, me ne andavo in Costa Azzurra con la mia ragazza. Si lasciava passare il Natale e poi si partiva di notte con l’auto. Io non guidavo mai. A me non piace guidare; la mia ragazza adora guidare. Ci piaceva andar via con calma e fare una o due soste agli Autogrill. Nelle ore notturne, in quel periodo, la gente in viaggio che s’incontrava alle stazioni di rifornimento era guardabile: la osservavo con una certa insistenza per appropriarmi delle loro vite. Dopo pochi minuti sai tutto di loro. Osservando in questo modo metti a fuoco i dissidi di coppia, i rancori per le reciproche indifferenze, le carenze affettive dei figli, le ricchezze ostentate che nascondono l’acquisto di un’auto di lusso di seconda, terza, quarta mano, un leasing con inutili benefici fiscali, case in affitto con mobilio da discount a 36 rate senza anticipo, vacanze di Natale prenotate un anno prima con tariffa bambini quasi gratis, e potrei continuare all’infinito. È come fare una radiografia; è come spiare da un buco le intimità più vergognose. Io sono un voyeur.
Verso le quattro del mattino io e la mia ragazza facciamo una sosta sopra Montecarlo. C’è un piccolo spiazzo dove ti puoi fermare con la macchina e osservare la città dall’alto con tutte le sue luci. Guardarla da questa distanza, nell’intimità dell’ora ancora buia, ancora silenziosa, ancora deserta, te la fa sentire come fosse una cosa tua. La controlli tutta quanta con un solo sguardo e inizi a pedinare le luci che si muovono nell’autodromo in salita e in discesa tra i palazzi. Io sono un voyeur.
C’è guardone e guardone. Io traggo il maggior piacere nel guardare quando l’immagine mi racconta una storia permettendomi di rubarne dei frammenti. Coi frammenti ci costruisco una cosa che si dispiega nel tempo e si muove nello spazio; gli dò lo spessore di una vita che d’ora in poi mi appartiene. Quello che guardo tramuta in pura informazione per essere manipolato.
C’è guardone e guardone. Può anche capitare che io mi commuova o non riesca a sostenere una visione più a lungo di qualche secondo. Mi succede come in “American beauty” quando il figlio del militare che poi si ammazza parla sopra una delle sue video-riprese e dice, più o meno: «A volte c’è così tanta bellezza nel mondo che non riesco ad accettarla. Il mio cuore sta per franare».
Dopo la sosta a Montecarlo proseguiamo per Nizza o Cap-Ferrat o Cannes. Dipende dalle volte. Prendiamo alloggio, ci assestiamo, facciamo un bel riposo e la mattina, dopo una colazione che basta pure per il pranzo, andiamo in giro. Io mi prendo l’impegno di scattare delle foto: ho la macchina digitale di mia madre e ho il mio cellulare con la fotocamera. Mi piace fotografare, ma è un impegno. Il perché è presto detto: se fotografo non guardo. Non c’è contraddizione; c’è un bel paradosso. Io quasi mi vergogno quando mi fermo a fotografare. Infatti scatto molto mentre cammino; tanto meglio se sono in macchina. Mi vergogno a farmi vedere che sto fissando l’obiettivo su qualcosa. Il voyeur guarda di nascosto. Ma per tornare al paradosso, quando cerco l’inquadratura dentro il mirino o il display, tutto il resto sparisce e io me lo perdo. Se mi guardo in giro ho sempre una grande intersezione delle linee: tracce di eventi di passaggio che hanno sempre: almeno un punto tra loro intersecante e almeno un punto tangente il mio perimetro visivo. L’inquadratura, al contrario, annienta le relazioni dinamiche sparando un colpo secco sulla porzione selezionata e riclassifica il mondo in soggetti.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2008 e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a REGISTRO DI POESIA #1

  1. Pingback: parole come lame – reading+performance+video (Fotografia Europea 2011) | Mariangela Guatteri

I commenti sono chiusi.