tavola delle materie

Mariangela Guatteri, tavola delle materie
diyfferx 2012
[sought text]

info correlate | videolettura | leggi su Issuu

* * *

da tavola delle materie

i primi furono in forma di assi o tavole. sepher, àxones.
per gradi la cera, quindi il cuoio; appresso fu in uso il piombo, la tela, la seta, il corno, la carta.

l’economia dell’interno, la disposizione dei punti in righe
colonne note marginali o nel fondo. ordinariamente più segnature, chiamate.

le iniziali figurate, di fregi di finali di effigie finis
spesso lavato con olio tratto dal cedro, alcune schegge di cedro.
esto fortis.


l’ordine e la maniera di fondare.

indicano le cerimonie spettanti alle porte. alle mura, alle tribù, ai campi. il futuro indicato dal volo e il garrimento degli uccelli. indicato dal colore dei loro rovesci, dalla atrocità della loro tristezza.

(una tunica di cera. suscettibili delle mutazioni)

minugia d’elefante. tutti i nomi delle trentacinque tribù espressi dal torchio.

(più alto grado di sottigliezza)

con un coltello fin a quella misura dove sono i cordoncini si stringe e lega tra due tavolette. nel di fuori tutte le cose sono involte nell’oscurità cimmeria.

(fiori, rose, stelle, ziffre, ornato di compartimenti, di armi o stemmi. si fanno ognuno col suo proprio ordigno o strumento)


i corpi, i tesori ecc. cose più astute, segrete, e sublimi. i condannati e proibiti. cose contrarie. memorie: i registri dei tempi e delle azioni. i tropari (si sogliono cantare. quattro che ora sono in uso. nei termini già in essi contenuti).

miscellanei, l’originale o l’autografo, riferiscono i fatti o le verità generali, indicano gli argomenti che li provano, tutte le cerimonie, i sacrifici, le feste – contengono i nomi di tutti -, e le occasioni, i tempi e le formule d’invocare.
abbozzano un metodo formale – a guisa di un tramaglio raccolgono tutto, vecchio e nuovo, triviale e straordinario, buono, cattivo e indifferente a mettere in vista tutta la suppellettile della cognizione. opprimono con prove di cose, che non ne han bisogno, di schemi, di carte o mappe, e simili.

Informazioni su mariangela guatteri

Scrittore e artista visivo, insegnante di Yoga e allenatore, è redattore di alcuni siti dedicati alla ricerca letteraria e artistica e co-curatore di una collana di prosa e poesia, oltre che di eventi e iniziative culturali. La sua ricerca indaga e utilizza ‘grammatiche’ dei vari linguaggi indipendentemente dai confini disciplinari entro i quali vengono solitamente recepiti e letti. L’indagine punta alla realtà e tenta di rilevare le modalità e i meccanismi condizionanti, per la mente e l’agire umano, in cui tanto il pensiero quanto il linguaggio sono fortemente implicati. § Tra le varie attività ha ricoperto per diversi anni il ruolo di docente presso la scuola pubblica, di consulente presso il Polo Universitario Reggiano e di imprenditore nell’area Information Technology. Ha pubblicato interventi teorici, riflessioni critiche, prose e poesie in riviste e libri. In ambito didattico ha pubblicato un libro di testo per la scuola superiore. § Nel 2011 ha vinto la XXV edizione del Premio Lorenzo Montano (raccolta inedita). Alcuni suoi testi sono stati tradotti e pubblicati in francese, inglese, serbo, greco e svedese. ☞ Bibliografia completa delle pubblicazioni di Mariangela Guatteri in Academia.edu [https://independent.academia.edu/MariangelaGuatteri/Bibliography]
Questa voce è stata pubblicata in 2012, Libri e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.